Bambino ha un occhio gonfio ma è un tumore al cervello da 10 cm

Sembrava un semplice difetto di nascita, in realtà era un tumore di 10 cm. Un bambino di 4 settimane ha rischiato la vita.

Una storia spaventosa e triste, con un lieto fine, quella di Roux: un bambino nato con un rigonfiamento sull’occhio che era stato inizialmente etichettato come “difetto di nascita“. Niente di grave, quindi. Ma i genitori non si sono arresi e hanno cercato la diagnosi, che è arrivata quando il bimbo aveva appena 4 settimane: un tumore al cervello che era cresciuto fino ad arrivare a 10 cm, una dimensione veramente consistente per un bambino così piccolo. Ecco come è andata e come sta oggi Roux.

Il tumore stava crescendo giorno dopo giorno
La mamma e il papà di Roux saranno “eternamente grati” ai medici e agli infermieri delll’Ospedale di Leeds per aver salvato la vita del loro bimbo, come hanno dichiarato a Leeds Live. I genitori erano davvero preoccupati per la salute del piccolo quando hanno scoperto che il ringonfiamento sull’occhio del bambino non era una deformazione di nascita ma un tumore da 10 cm.

Per fortuna i medici hanno potuto stabilire che il tumore non era maligno e quindi operabile. Un’operazione comunque molto delicata, vista la tenera età del paziente in questione, che ormai era diventato completamente cieco dall’occhio sinistro. Il tumore, premendo sul cervello, aveva anche parzialmente bloccato la sua crescita cerebrale e Roux era un anno indietro rispetto ai suoi coetanei nello sviluppo. Ma nonostante questo, mamma e papà lo descrivono come sano e pieno di vita.

Vista la delicatezza di operare su un cervello di un bambino così piccolo, Roux ha subito circa dieci operazioni chirurgiche per rimuovere il tumore, che stava crescendo giorno dopo giorno sempre di più. La madre ha usato questa brutta esperienza per fare informazione riguardo alle diagnosi di tumore, e di come riconoscere i sintomi per poterlo scoprire in tempo e tornare a vivere, proprio come è successo a Roux.

amore cervello bambino

Fonte: viagginews.com

Apri Chat
Serve assistenza?
Come possiamo aiutarti?